Fake News, basta! Non se ne può più!

HomeWeb e TecnologiaInternetFake News, basta! Non se ne può più!

-

Perchè inventare Fake News? In questo post voglio analizzare un problema ricorrente del web, mai come in questo momento ne stanno girando proprio tante. Apriamo gli occhi sul vero motivo della loro esistenza e scopriamo come evitare di contribuire a farle diffondere…


Inventare e divulgare Fake News è diventato un mestiere, anche redditizio (anche quello dello smascherarle). Inventarle e diffonderle genera un flusso di denaro immane, ultimamente stanno crescendo anche i siti che si occupano di smascherarle. Il “Fakenewsaro” non può rimanere mica disoccupato?! E poi si sa, bisogna aggiornarsi, migliorarsi…

Quindi cosa sta facendo ultimamente? Si è evoluto ed ha trovato un nuovo modo di diffondere Fake News! Il meccanismo di diffusione è diventato più sopraffino. Prima una notizia falsa tradizionale era una fandonia bella e buona, spesso lontana dalla realtà anni luce, solitamente talmente assurda da sembrare fantascienza. Appena smascherata smetteva di creare interesse.

Le fake news, l’evoluzione:

la Fake News del 2020 no! Crea dibattiti, divide l’audience, magicamente appaiono sostenitori ed oppositori.

La Fake News 2.0 invece, contiene una percentuale variabile di verità, non è mai completamente vera e mai completamente falsa. Per questo motivo tutti ne parlano e spesso cadono nel tranello di diffonderle anche i giornali e le tv importanti.

Sfruttano la mancanza d’informazione o l’informazione sommaria del popolo del web. Spesso essendo notizie nuove, anche se si ha una discreta cultura ed un occhio clinico, si cade nel tranello ugualmente. Finché la bufala non viene analizzate correttamente, il popolo prende posizione e si schiera.

Fake news, perché si diffondono sul web?

Sui social network impazzano le discussioni! La Fake News non è mai completamente svelata, nella testa delle persone rimane volutamente un semino che genera un ragionevole dubbio. Grazie a questo semino genera molte più interazioni, condivisioni e reazioni. Il Fakenewsaro del 2020 è scaltro, va a trattare temi d’attualità alla quale l’audience tiene particolarmente!

Articolo consigliato: Like su Facebook, quanto vale?

Sanno che per indole, le persone difendono a spada tratta un loro ideale, un loro pensiero politico o etico. Tantissime persone che utilizzano il web, non conoscendone i meccanismi, non si fermano a ragionare distaccatamente sulla notizia.

Hai mai condiviso un post dopo aver letto solo il titolo e non l’intero articolo collegato? Credimi, anche se tu non lo hai mai fatto, ti assicuro che in tantissimi lo fanno. I titoli dei siti di Fake News sono scritti appositamente per destare scalpore incuriosire e far condividere. Spinti dal desiderio di condividere una notizia “figa”, si clicca sul fatidico tasto “condividi”.

Perché inventare le Fake News?

I motivi possono essere vari, se una bufala è però su una pagina web la ragione è soltanto una: Guadagnare! Stranamente le pagine web che trattano notizie fake sono piene di banner pubblicitari, chiediti il perché…

Tantissime sono inventate anche per smanie di protagonismo, egocentrismo ecc…

Fake News, come riconoscerle

I siti che le diffondono, hanno spesso dei nomi molto simili a testate giornalistiche importanti e spesso quasi non sono riconoscibili ad un occhio poco attento. L’ideale sarebbe andarsi a documentare a fondo, in maniera quasi distaccata e super partes. Esistono tantissimi siti specializzati nello smascherare le bufale che offrono un utile servizio alla collettività.

Alcune girano su whatsapp o comunque tramite messaggio diretto, quelle sono ancora più difficili da riconoscere. A maggior ragione, cerca un particolare, un segno, sii critico…


Specialmente in questo periodo durante il quale stiamo vivendo un momento difficile, cerchiamo di essere un pò piu attenti del solito. Diffondere notizie false, non fa altro che aggravare la situazione.

Non facciamoci prendere per i fondelli e di apriamo bene gli occhi e guardiamo un pò oltre a quello che ci si presenta davanti spiaccicato sulla faccia.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle nostre news, eventi ed iniziative

Acconsenti di Iscriverti e ricevere:
Leonardo Arenarehttps://esisterebene.it
Sono da sempre appassionato di tecnologia e internet. Mi aggiorno costantemente per scoprire come sfruttare questa passione per migliorare la vita di tutti i giorni. Adoro gli animali e la natura in generale, il rollerskating, la fotografia e i viaggi, soprattutto amo avere a che fare con le persone. Una frase che parla di me? Eccola: Se non progetti la tua stessa vita, le probabilità sono che tu rientri nei piani di qualcun altro. E indovina cosa hanno progettato per te? Non molto. (Jim Rohn)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui